Italia: aumenta il deficit extra – UE

Il deficit commerciale dell’Italia nei confronti dei Paesi extra Ue è aumentato a giugno a -1,5 miliardi, in lieve incremento rispetto al deficit di giugno 2010 di 1,4 miliardi. E’ l’ISTAT a riferire ciò. Le esportazioni non hanno subito variazioni rispetto al mese precedente, mentre le importazioni sono scese del 2,2%. Nell’ultimo trimestre (aprile-giugno) la dinamica rispetto al trimestre precedente risulta positiva per le esportazioni (+1,6%) e negativa per le importazioni (-0,5%). La crescita tendenziale è sempre positiva e analoga per importazioni (+8,1%) ed esportazioni (+7,8%) ma c’è un grande rallentamento rispetto alla dinamica dei mesi passati. E’ aumentato Il deficit del comparto energetico Leggi tutto

...

Confindustria : il Pil cresce lentamente

L’economia italiana si dirige verso una fase di crescita debole ed il Pil non riuscirà mai a superare il +1% all’anno. Questo è quanto ipotizza il centro studi di Confindustria (Csc) nella sua analisi mensile. Nel terzo trimestre la crescita sarà vicina allo 0 con grande debolezza della domanda interna, affievolimento di quella estera, ed enormi ripercussioni dalle violente turbolenze finanziarie. L’analisi del Csc, evidenzia che gli indicatori puntano a una nuova e prolungata fase di variazioni del Pil che difficilmente andranno al di sopra dell’1% annuo”. Il Csc porta alla memoria anche il fatto che l’attività industriale nel terzo trimestre parte dal -0,3% derivante Leggi tutto

...

Moduli fotovoltaici

Gli investimenti nel mondo delle energie rinnovabili e soprattutto nel fotovoltaico in Italia sono in costante e crescente aumento, infatti sono sempre più le persone che investono nei moduli fotovoltaici per dotarsi di impianti di produzione di energia elettrica sfruttando il sole, e nonostante la temporanea battuta d’arresto estiva, dovuta al braccio di ferro fra governo e associazioni di categoria per quanto riguarda l’emanazione del nuovo conto energia, negli ultimi due mesi si è assistiti ad una ripresa generale che lascia ben sperare per lo sviluppo di questo settore strategico in Italia, tant’è che i dati ufficiali prevedono che il 2011 si chiuderà con un valore Leggi tutto

...

Mediaset: utile in calo nel 2011

Senza una ripresa della raccolta pubblicitaria,è probabile che Mediaset avrà un’utile netto in calo, nel 2011. Ad affermare ciò è stato lo stesso Cfo, Marco Giordani, durante l presentazione dei palinsesti d’autunno. Il gruppo effettua, così, una nuova valutazione sulla crescita dell’utile, dopo quella di circa due mesi fa . L’incremento dell’ utile di Mediaset, quindi, dipende dall’ ambito della pubblicità. La scorsa settimana , Mediaset ha fatto presente la necessità della raccolta pubblicitaria, ipotizzando un leggero calo nel primo semestre, mentre nessuna variazione nel secondo. Secondo i calcoli di Giordani i ricavi pubblicitari in Italia sono diminuiti nel primo semestre del 2- Leggi tutto

...